Etea Sicurezza
Servizi > Sicurezza Funzionale
Ormai da decenni, le funzioni vitali per la gestione degli impianti sono affidate a sistemi automatici di misura, protezione, controllo, monitoraggio e supervisione, realizzati con tecnologie elettroniche programmabili. Questi sistemi sono in genere distribuiti all'interno degli impianti e sono interconnessi da reti di comunicazione locale e da collegamenti remoti, che per alcuni tipi di impianti, come, per esempio, quelli del sistema elettrico, sono caratterizzati da grandi estensioni territoriali.

In questo quadro, gli impianti vengono a dipendere sempre più, oltre che dalle funzionalità dei suddetti sistemi e sottosistemi di automazione, dalla loro affidabilità e di quella dell'infrastruttura di comunicazione. In particolare, se alcune delle funzioni da loro svolte coinvolgono problemi di sicurezza, l'affidabilità dei sistemi che realizzano tali funzioni deve essere particolarmente vagliata e proporzionata ai livelli di sicurezza richiesti alle diverse funzioni: si richiede, in altri termini, di considerare la cosiddetta sicurezza funzionale del sistema o sottosistema.

Nella sua accezione iniziale la sicurezza funzionale era intesa come quella parte della sicurezza globale degli impianti che dipende dal corretto funzionamento dei sistemi elettrici ed elettronici di misura, protezione e controllo preposti ad applicazioni che comportano problemi di sicurezza. Il concetto di sicurezza funzionale ha assunto nel tempo maggiore generalità e la normativa tecnica internazionale, che si è oggi assestata in linea con lo sviluppo della tecnologia, ha recentemente aggiornato la definizione di sicurezza funzionale nel modo seguente:

"La sicurezza funzionale è quella parte della sicurezza globale delle apparecchiature e dei sistemi di controllo ad esse associati che dipende dal corretto funzionamento dei sistemi elettrici, elettronici ed elettronici programmabili per applicazioni di sicurezza, di altri sistemi tecnologici per applicazioni di sicurezza, dispositivi esterni per la riduzione del rischio"

La norma tecnica di riferimento è la norma CEI EN 61508; da essa discendono tutti gli standard tecnici per la regolamentazione della materia.
Etea Sicurezza - servizi forniti - sicurezza funzionale degli impianti
È importante tener presente che la sicurezza funzionale prevede il controllo dei fallimenti hardware casuali, i quali possono essere quantificati in termini di tassi di guasto e quindi valutati, AND i fallimenti sistematici, i quali non potendo essere quantificati, richiedono un controllo rigoroso delle fasi di progettazione ma anche della fasi operative del prodotto (life cycle approach).

La Norma CEI EN 61511 è la norma specifica per l'industria di processo, comprendente, in particolare: il settore chimico, quello della raffinazione e della perforazione petrolifera, quello della produzione della carta, quello della produzione di energia elettrica. Tale standard, fornisce le indicazioni per la determinazione del livello integrato di sicurezza (SIL) di un Sistema strumentato di sicurezza (SIS)

La revisione della norma sulla sicurezza dell'equipaggiamento elettrico delle macchine EN 60204-1 ha portato alla abrogazione della EN 954-1 e all'introduzione definitiva delle norme UNI EN ISO 13849-1 e CEI EN ISO 62061, mediante le quali è possibile definire la categoria di sicurezza e il livello di affidabilità dei sistemi di comando legati alla sicurezza con la possibilità di demandare anche ai sistemi elettronici programmabili la gestione delle funzioni di sicurezza di una macchina.

Il loro campo di applicazione riguarda i sistemi elettrici, elettronici ed elettronici programmabili; alla prima è altresì applicabile anche ai sistemi che impiegano altre tecnologie, ad es. sistemi per la fluidotecnica.
La UNI EN ISO 13849-1 consente di, individuate le funzioni di sicurezza di un macchinario mediante l'analisi dei rischi, determinare per ognuna di queste il PLr Performance Level Richiesto.

La sua applicazione fornisce altresì gli strumenti per progettare e costruire sistemi di comando e controllo SRP/CS che soddisfino il PLr di una determinata funziona di sicurezza SFR. Analogamente, ma per le sole parti elettroniche ed elettroniche programmabili dei sistemi di comando e controllo SRECS, la CEI EN 62061 consente di determinare il SIL Livello integrato di sicurezza degli SRECS. Entrambe gli indicatori PL e SIL, necessitano di essere validati mediante un piano di verifica.

Le tecniche di validazione del PL e del SIL sono descritte dalla EN ISO 13849-2 e dalla stessa EN 62061.
Per convalida si intende una verifica che include l'analisi e il test delle funzioni di sicurezza e delle categorie di sicurezza dei sistemi. Ovviamente, oltre all'analisi dell'hardware del sistema di comando, diventa necessario analizzare l'affidabilità del software, verificando che questo non sia affetto da errori che possano invalidare il perseguimento della funzione di sicurezza progettata.
Sicurezza industriale e civile - Etea Sicurezza - partner Securiton e Coopers
Tutto il mondo Etea Sicurezza
Water mist low pressure

Azienda
ETEA SICUREZZA è una società di ingegneria fondata nel 1993 e specializzata nel settore della sicurezza civile ed industriale con particolare attenzione alla SICUREZZA DEL PERSONALE, DEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI e DEGLI EDIFICI.

L'elevata qualificazione e specializzazione del personale, l'esperienza pluriennale nel settore della consulenza in materia di antiesplosione e antincendio, ed alcune collaborazioni di alto livello hanno permesso ad ETEA SICUREZZA di occupare una posizione di leadership nel mercato internazionale.

UN SERVIZIO COMPLETO GRAZIE ALLA TECNOLOGIA DEL XXI SECOLO
Sicurezza industriale e civile - Etea Sicurezza - partner Securiton e Coopers
Partners Etea Sicurezza
© 2017 - ETEA Sicurezza S.r.l. - P.IVA 02718810043
Via Monviso, 27 - 12037 Saluzzo (CN)
Tel. +39 0175 41146 - Fax +39 0175 217556
E-mail info@eteasicurezza.it